Il parco tropicale

Il parco tropicale
facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

La mattinata l’abbiamo trascorsa a Darwin, prima di prendere di nuovo una macchina a noleggio e avventurarci nel Parco nazionale del Kakadu.

Dopo colazione siamo usciti nel caldo tropicale e dal vicino Bicentennial Park abbiamo percorso l’Esplanade fino al Waterfront, da lì siamo ritornati in centro con poche case sopravvissute all’uragano del 1974, e poi diretti all’Avis per prendere la macchina. Indovinate un po’: un’altra Toyota Prado, bianca! Siamo tornati in albergo per farci una doccia perché eravamo fradici, e poi partenza, beccandoci un vero e proprio acquazzone uscendo da Darwin. Poco dopo è riapparso il sole, e abbiamo proseguito il nostro viaggio fermandoci a Ludawei e al Mary River Billabong prima di entrare nel parco. Stephan è riuscito a inzozzare la macchina dopo pochi chilometri. Prima di arrivare a Jabiru, la città principale, siamo passati a Mamukala, dove c’è una piattaforma per osservare gli uccelli. Oltre alle oche abbiamo trovato anche un sacco di pappagalli bianchi tra gli alberi che facevano un casino tremendo. E una sacco di mosche. Poi abbiamo fatto una visita al centro del parco e poco dopo siamo arrivati in hotel, una struttura a forma di coccodrillo. Abbiamo fatto uno giro fino al lago e poi un tuffo in piscina, a cena qui al ristorante dell’hotel perché non c’è altro e inoltre è domenica e il “centro” è deserto. Domani si gira nel parco.

Una risposta a Il parco tropicale

  1. Enzo scrive:

    quasi quasi mi viene l’ispirazione di aprire dei würstel stand in Australia visto quello che si trova da mettere sotto i denti …..
    chiederò qualche consiglio a Valentin o al Pit Stop………
    buon proseguimento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *