Una gita nelle Blue Mountains

Una gita nelle Blue Mountains
facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Oggi mega escursione con Pìda (Peter) di PJ Tours. La sveglia è suonata presto per la partenza alle 7:30.

Prima tappa: il Featherdale Wildlife Park dove abbiamo visto da vicino e coccolato un koala e un sacco di canguri affamati. Pensate che vendevano il loro “mangime” (praticamente della paglia) in un cono gelato. Ma i canguri era più interessati al cono che al contenuto e se non stavi attento te lo rubavano dalle mani.

Poi abbiamo proseguito per ca. 100 km fino alle Blue Mountains, allo Scenic World, dove ci sono due cabinovie panoramiche e una cremagliera che un tempo veniva usata dai minatori in cerca di oro. Siamo scesi con una cabinovia nella valle Janison, poi abbiamo fatto un giro tra la foresta e abbiamo preso il trenino per risalire. Poi con l’altra cabinovia abbiamo attraversato la valle e siamo andati a vedere da lontano le cascate Katoomba. Per pranzo avevamo un’oretta libera e perciò abbiamo rifatto il giro in cremagliera perché era troppo divertente!

Prossima tappa l’Echo Point poco più avanti, per ammirare le Three Sisters, una formazione rocciosa che prende il none da un’antica leggenda degli aborigeni.
Dopo aver visitato Leura, un piccolo pittoresco paesino, siamo ritornati in città fermandoci al Centro Olimpico di Sydney. Poi abbiamo preso il watertaxi per tornare in albergo godendoci la vista sulla città. A cena siamo andati da Phillip’s Foote, l’ingresso era come un pub inglese, sul retro invece c’era un giardino con dei grill. Al bancone abbiamo scelto la carne e poi Sara l’ha grigliata. Gnam gnam. I contorni erano a buffet. Che delizia! Dopo una breve passeggiata lungo il molo siamo tornati in albergo a fare le valigie, domani si parte per Melbourne!

3 risposte a Una gita nelle Blue Mountains

  1. Paul scrive:

    Die Videos sein bärig! Danke fir de tollen Berichte olm.

    lg

  2. Enzo scrive:

    Ehilà Indiana Jones……
    ma chi ci garantisce che non siano di peluche i koala
    Notato il grasso tacchino, che probabilmente non si chiamerà tacchino da quelle parti ma che farebbe la sua bella figura a tavola….
    Buon proseguimento del viaggio
    Ciao ciao

  3. Enzo scrive:

    Ops dimenticavo: se raddrizzate alcune foto le vediamo meglio
    Grazieeeeeeeeee

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *